curiosità

Lettiera per gatti: quale scegliere?

Gatto che scava nella lettiera

Chi possiede un gatto sa bene che esiste un accessorio assolutamente indispensabile per il suo benessere: la lettiera per gatti.

I gatti sono infatti animali molto puliti che amano curare la loro igiene. Basti pensare a quanto tempo passano a pulirsi il manto con la lingua. Un processo istintivo così piacevole per loro che ha anche l’effetto di aiutarli a rilassarsi.

Per istinto quindi, quando hanno bisogno di deporre i propri bisogni, cercano una zona tranquilla, appartata e pulita in cui farlo, tutte caratteristiche che la lettiera deve avere per risultare a loro soddisfacente.

La lettiera per gatti è un acquisto imprescindibile nel momento in cui si decide di accogliere un micio in famiglia, ma scegliere quale comprare non è semplice.

Aggirandoci tra gli scaffali (fisici o online) dei negozi per animali si possono trovare tantissime lettiere diverse con prezzi anche molto distanti fra loro. Questo senza parlare della quantità di marche e nomi presenti spesso sulle confezioni.

Di base, però, possiamo suddividere le lettiere per gatti in 4 grosse tipologie.

Nell’articolo di oggi le descriveremo velocemente e vedremo anche come scegliere la lettiera migliore per soddisfare le esigenze del nostro micio, fornendo anche qualche veloce consiglio per la sua gestione.

Lettiera per gatti agglomerante

Sono le più comuni in commercio e sono composte principalmente da bentonite, ossia una sostanza realizzata con l’argilla che, a contatto con i liquidi, forma degli agglomerati di sabbia.

Questa lettiera è comoda per essere pulita velocemente, ma bisogna fare attenzione alla qualità della sabbia di cui è composta. La betonite infatti potrebbe arrivare da molto lontano ed avere un certo impatto ambientale.

Inoltre, se nella composizione ci sono delle profumazioni sintetiche per coprire i cattivi odori, queste potrebbero infastidire i gatti, portandoli a rifiutare l’utilizzo della lettiera stessa.

Lettiera per gatti assorbente

Dette anche “non agglomeranti,” queste lettiere non sono più così comuni, ma si possono ancora trovare in commercio e sono probabilmente la soluzione più economica.

Sono realizzate con una tipologia di argilla che assorbe i liquidi, ma non crea gli agglomerati. Praticamente funzionano proprio come una specie di sabbia “naturale” in cui i mici possono nascondere i loro bisogni come se fossero all’esterno.

Le lettiere assorbenti hanno tutti i difetti delle lettiere agglomeranti, in più sono anche molto meno pratiche da pulire perché vanno ogni volta svuotate completamente per essere sicuri di rimuovere i bisogni del gatto.

Lettiera in Silicio

Queste sono lettiere per gatti con sabbia a grana grossa composta da cristalli di silicio. Il silicio in questo stato ha infatti un enorme potere assorbente e antiodore visto che disidrata nel tempo i bisogni del gatto.

Le lettiere in silicio hanno la caratteristica di rimanere sempre asciutte e non richiedono la pulizia quotidiana tipica delle altre lettiere. Il problema è che nuovamente bisogna fare attenzione alla qualità di ciò che si acquista, ancora più che con le lettiere in bentonite/argilla. Alcune lettiere in silicio, infatti, possono risultare pericolose per i gatti, andando a pungere i loro polpastrelli o provocando allergie, motivo per cui i veterinari invitano a fare attenzione a questo prodotto. Inoltre il silicio stesso potrebbe avere un grosso impatto ambientale.

Quanto detto non è comunque vero riguardo alla Lettiera Easy Clean di Croci che è realizzata proprio per avere tutti i vantaggi del silicio ed essere allo stesso tempo sicura, antiallergica e tollerata da tutti i gatti.

Lettiera Vegetale

In questa tipologia ricadono tutte quelle lettiere per gatti che sono realizzate con scarti di materiali organici biodegradabili come il mais, l’orzo o il tofu.

Ne segue che le lettiere di questo tipo non contengono silicio, altri minerali o profumazioni sintetiche e si caratterizzano per la sabbia abbastanza fine e parzialmente agglomerante.

Le lettiere vegetali sono soprattutto una scelta green che tiene conto dell’impatto ambientale che può avere la sabbia per gatti. Quella delle lettiere vegetali è infatti molto leggera (cosa che ne rende più facile il trasporto) e completamente compostabile.

Per smaltirla la si può gettare nell’umido urbano o direttamente nel WC di casa, senza timore che ci siano problemi per le tubature o l’ambiente.

In conclusione, speriamo di averti schiarito le idee su tutte le lettiere per gatti che sono attualmente disponibili in commercio, in modo che la prossima volta che decidi di acquistarne una, tu possa fare la scelta migliore per il benessere del tuo gatto.

Una sabbia per gatti di buona qualità, inoltre, non aiuta solo il tuo micio, ma rende anche più facile la sua gestione (pulizia e trasporto) e ne riduce significativamente l’impatto ambientale. Scegli responsabilmente. Nella sezione apposita del nostro negozio online puoi trovare diverse tipologie di lettiere per gatti adatte ad ogni esigenza e situazione.

Sviluppate dai nostri specialisti, questi prodotti a marchio Croci sono pensati per soddisfare qualsiasi preferenza abbia il tuo micio con la massima qualità possibile!

Scopri di più

Cane che sbadiglia
Amicizia Uomo Cane: alcuni utili consigli